Sabato 17 Agosto 2019
   
Carattere
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario
  • Centro Missionario

Notizie dalla Madre

Ambanidia, 8 ottobre 2010

Sorelle carissime,

riesco finalmente a  mettermi a scrivere e spero di avere il tempo sufficiente per farlo(…)

Questo lungo periodo è stato molto ricco di avvenimenti e raccontarli tutti non è possibile, ma cerchero’ di condividere qualcosa.  Dopo l’ingresso in Postulato delle sei giovani e quello in noviziato di Ilarisse Sabine, il 18 settembre sono partita con Sr Teresa Margherita per Ambalavao, dove siamo arrivate, dopo un lungo viaggio, verso sera. Li’ ci siamo fermate quattro giorni per la visita alla fraternità e per impostare il lavoro.  Anche ad Ambalavao ci sono progetti e novità per un maggior coinvolgimento nella scuola materna ed elementare San Vincenzo e per l’insegnamento della religione al liceo della Diocesi. Inoltre anche sull’atelier si hanno nuovi progetti. Anche il nuovo terreno acquistato per coltivare pare possa dare buoni frutti e Sr Maria è sempre molto attiva in questo setore, ma non trascura le tournée nei villaggi vicini, ogni domenica pomeriggi, con Sr Goretti. La cosa più bella è che il giorno 4 ottobre il vescovo ha messo la prima pietra per la costruzione della nuova chiesa, proprio di fianco alla nostra casa, sorta sul terreno della Diocesi. Questo ci permettera di avere la chiesa vicina e tutto il lavoro parrocchiale nuovo. Il quartiere, poi, è stato ribatezzato dal vescovo Tzararivotra, ossia bella aria o buon vento, proprio per la posizione.

Il 22 settembre  siamo poi partite nel primo pomeriggio per Analavoka con Sr Dorothée, nostra accompagnatrice e Sr Florine. Ad Analavoka ci siamo farmate fino al lunedi’ successivo e abbiamo potuto constatare tanti cambiamenti. Ho potuto vedere la scuola finita con le aule belle e spaziose e i banchi nuovi e tuto il recinto intorno. Poi abbiamo visto il grande terreno che i genitori coltivano per poter mandare i loro figli a scuola e pagare l’ecolage. Non ci sono qui molte possibilità, ma insegnare a coltivare e poi un modo oltre che per far mandare i figli a scuola anche di insegnare a lavorare e non solo custodire i buoi, che spesso sono razziati. Mi ha molto colpito quello che ci ha detto il Presidente del comitato dei genitori della scuola. Quello che un figlio impara nessuno glielo potrà mai rubare. Inutile preoccuparsi solo di aumentare il numero dei buoi e poi non avere casa o cibo, non sapere ne leggere ne scrivere e poi arrivano i ladri e si rimane senza nulla. Se questo messaggio pian piano passerà credo che anche Analavoka cambierà, perchè cambierà la sua gente. Del resto noi vediamo già anche l’aumento dei ragazzi a scuola, oltre 200. Attualmente abbiamo già tutte le classi elementari e due delle quttro classi delle medie. Certo che i ragazzi della 5.eme sono degli uomini; alcuni hanno 20 anni, ma vogliono studiare e poi andare al liceo. Durante le vacanze sono andati in montagna a cercare l’oro per pagarsi la scuola. Più delicata è la situazione delle ragazze che già da piccole possono essere date in moglie e sono spesso vitime di diversi abusi. Stiamo davvero cercando con Padre Razzu il modo di difenderle e aiutarle.

Il 29 mi sono fermata ad Alarobia e poi sono stata due giorni in Noviziato e poi sono partita per Ambohimandroso per la Festa del 40° e la Professione di Sr Louise. Il giorno due ci sono stati gli ultimi preparativi e le varie prove e il giorno 3 la grande festa. Essendo il paese molto più grande di Alarobia tutto si è moltiplicato: la gente, i chilalao, le danze, i preti. C’erano 12 sacerdoti a concelebrare con il vescovo di Miarinarivo, che da bimbo ha fatto il catechismo con Sr Maria e che è molto legato alla nostra Congregazione e riconoscente per il lavoro svolto dalle suore ad Amapahimanga e a Saradroa e ora anche per la chiesa costruita. La Santa Messa con la Professione è stata bellissima, veramente. Ho pregato tanto per Sr Louise, ma anche per tutta quella gente, perchè davvero sappiamo sempre essere per loro segno di Dio, della sua bontà e testimoni credibili. Dopo la Santa Messa si sono esibiti i bimbi e i ragazzi della scuola, elegantissimi e ben preparati. In realtà siamo andati a pranzo alle due, perchè la Messa dalle 9 è durata fino all’una e poi un’ora di danze.

Il giorno 4 abbiamo celebrato nella gioia la Festa di San Francesco, mentre dalle comunità arrivavano le varie suore.  (…)

Nel salutarvi vi ripeto tuto l’affetto che mi lega a voi e tutto il bene, che porto nella preghiera al Signore. La sua benedizione scenda abbondante su ciascuna.

La madre Sr Luisa Vecchi

MADAGASCAR

Madagascar

PARAGUAY

Paraguay
© 2010 - Centro Missionario dell'Istituto Suore Francescane dell'Immacolata - Palagano / Modena